• Gajjey - travel to be more

"Per primo hanno ucciso mio padre."

Cari viaggiatori, questa sera spegniamo le luci e ci lasciamo portare in Cambogia da una bambina di cinque anni. Il film porta in scena la vera storia di Loung Ung, una bambina cambogiana strappata via dalla sua infanzia e dalla sua famiglia e spinta ai lavori forzati nei campi e ad un addestramento militare, sotto il sanguinante regime degli Khmer rossi.


LA TRAMA.

Loung Ung ha sei fratelli e due genitori che le vogliono bene. Grazie al ruolo che ricopre il padre nel governo cambogiano, l'intera famiglia vive giornate piene e felici. Fino al 17 aprile 1975. Gli Khmer rossi conquistano la capitale ed obbligano tutti i cittadini ad una migrazione estenuante, trasformando Phnom Penh in una città fantasma. Con l'obbiettivo di creare un popolo migliore, gli estremisti iniziano la loro opera di "purificazione della Cambogia", dividendo i mariti dalle mogli, i genitori dai figli e i più grandi dai più piccoli. Il principio cardine della dittatura è quello di conseguire l'autosufficienza agraria e di gestire tutti gli aspetti della vita in modo indipendente dal commercio con paesi esteri. Chi consuma medicinali non cambogiani, viene fatto assassinare. Chi cerca di differenziarsi dagli altri, anche solo indossando abiti di un colore diverso dal nero, viene fatto assassinare. Chi ruba del mangiare e non si attiene alla dose minima di cibo che consente il regine, viene fatto assassinare. Chiunque ricopra un ruolo importante nel governo o nell'istruzione viene fatto assassinare, così come chi esprime opposizione al regime o, semplicemente, indossa un paio di occhiali apparendo colto e, quindi, pericoloso. L'intera Cambogia piomba nel buio del regime della nuova Kampuchea Democratica. Loung ci fa vivere quest'enorme genocidio attraverso i suoi occhi innocenti, obbligati a sopportare strazi, fatiche, ingiustizie, dolori e torture. Sopravvive e ce lo racconta.

Il genocidio cambogiano ha totalizzato un numero di vittime pari a 1, 6 milioni di abitanti, corrispondente ad un quarto dell'intera popolazione, in solamente 4 anni.