• Gajjey - travel to be more

Cenare a Villa Crespi: quanto costa, come prenotare, come vestirsi.

Raccontando ad amici e parenti del week end passato a Lago d'Orta, è stato inevitabile perdersi in chiacchiere sulle portate della cena a Villa Crespi. Le domande erano sempre le stesse: ma come ci si veste in un ristorante 2 stelle Michelin? Ma quanto tempo prima avete prenotato e come avete fatto? Ma quanto costa cenare a Villa Crespi? E soprattutto...avete incontrato lo Chef Cannavacciuolo nel suo ristorante?


Non siamo soliti frequentare ristoranti stellati, tanto meno hotel che superino le 3 stelle (4 se proprio troviamo l'occasione!). Ecco perché questo articolo potrebbe fare al caso vostro: un regalo, un festeggiamento, una ciliegina sulla torta ad una vacanza di relax, i motivi per concedersi un'esperienza culinaria di questo genere possono essere svariati. Tra fotografie ed informazioni utili, ripercorriamo la cena nel ristorante stellato di Antonino Cannavacciuolo a Villa Crespi, gioiello del Piemonte.




Cenare a Villa Crespi: quanto costa, come prenotare, come vestirsi.


L'incantevole Lago d'Orta, su cui si affaccia Villa Crespi
L'incantevole Lago d'Orta, su cui si affaccia Villa Crespi

L'esperienza al ristorante di Antonino Cannavacciuolo inizia ancor prima di entrarci.

Comincia quando, una volta arrivati in macchina alla cancellata dell'hotel 5 stelle situato vicino ad un litorale di Lago d'Orta, lo sguardo si perde tra decori e dettagli della preziosa facciata in stile moresco.


Non siamo soliti frequentare ristoranti così rinomati, per questo non vi nascondo l'imbarazzo inziale ed il continuo timore di "sbagliare" qualsiasi cosa. Sarà educato arrivare in anticipo di 15 minuti? Saremo vestiti abbastanza bene rispetto agli altri ospiti?

Non siamo soliti nemmeno porci queste domande, ma se anche voi non siete ancora mai stati in un ristorante stellato, sono sicura che capirete i dubbi iniziali.


La pioggerella cominciata proprio al momento del nostro arrivo, ha subito messo in chiaro l'eleganza del personale dell'hotel che, armato di ombrello e di cordialità, ci ha invitati a scendere dall'auto, occupandosi del parcheggio e accompagnandoci al coperto sotto al porticato d'entrata.


Dopo aver solleticato il palato con una bollicina Franciacorta Ca' del Bosco Annamaria Clementi, conosciuta fino a quel momento più di nome che di gusto, veniamo accompagnati al tavolo.



QUANDO COSTA CENARE A VILLA CRESPI?

Prima di addentrarci nel prezzo delle nostre portate, è bene fare una premessa sulla prenotazione.

Riservare un tavolo è Villa Crespi è molto semplice, è sufficiente andare sul sito ufficiale e compilare i campi che trovate alla voce "invia la tua richiesta di prenotazione". Una volta confermata la disponibilità da parte del ristorante, verrà bloccata una caparra di euro 100 per ogni ospite, che verrà restituita una volta arrivati o trattenuta in caso di mancata presenza. Chiaramente, se avete piacere di prenotare al ristorante di Cannavacciuolo per il week end, vi consiglio di informarvi con diversi mesi di anticipo, soprattutto con l'alta stagione in arrivo. Se avete modo di trascorrere più tempo a Lago d'Orta, o di sostarci tra settimana, vi sarà più facile scegliere una data in un giorno feriale. Noi abbiamo cenato a Villa Crespi di giovedì sera, ed il ristorante era comunque al completo.


Una volta seduti al tavolo è possibile decidere il percorso gastronomico che si preferisce intraprendere, ordinando alla carta o scegliendo uno dei due menù proposti.


Cenare in uno dei ristoranti stellati di Antonino Cannavacciuolo
A cena in uno dei ristoranti stellati di Cannavacciuolo

Non riempirò il vostro tempo di nomi e di descrizioni approssimative dei piatti, al contrario, lascerò che la gallery che segue parli al posto mio. Come nella maggior parte dei ristoranti, il menù viene cambiato durante il corso dell'anno. Per sbirciare qualche piatto nello specifico, tuttavia, vi consiglio di dare un'occhiata al sito di Villa Crespi, dove potrete leggere portate e prezzi.


L'avventura del nostro palato è cominciata con Il “Buon Viaggio” di Antonino Cannavacciuolo, una degustazione gourmet da sud a nord attraverso i sapori tipici italiani.

Il menù scelto comprendeva il percorso appena citato, più un primo, due secondi, un pre-dessert, un dessert e una degustazione di dolci in accompagnamento al caffè (quest'ultimo solamente pagato a parte).

Nonostante il menù fisso, le portate erano sostituibili a preferenza dell'ospite, e una delle seconde portate proponeva già un'alternativa. Il costo del nostro percorso di carne e pesce è stato di 160 euro a persona, più 10 euro per il caffè. Dite la verità, vi siete mai trovati a spender sì la metà, ma avendo mangiato decisamente peggio? (e meno?!), io sì!

Percorso degustazione di vini a Villa Crespi
Percorso degustazione di vini a Villa Crespi

Che scegliate di mangiare ordinando alla carta o intraprendendo un percorso a più portate, a fine cena, come galateo vuole, potrete scegliere se addolcire il vostro palato con un'attenta selezione di formaggi. I prodotti vi verranno presentati direttamente al tavolo, attraverso il vetro della teca in cui sono perfettamente esposti. Il costo per la degustazione di formaggi è di 20 euro a persona ed il piatto viene preparato al momento, su gusto personale dell'ospite.


Ultimo, ma decisamente non meno importante, il bere.

Al menù degustazione scelto, abbiamo deciso di abbinare un percorso enologico a discrezione della sommelier di sala. Avremmo potuto scegliere qualcosa che sapevamo per certo ci sarebbe piaciuto e andar così "sul sicuro", ma abbiamo deciso di goderci al massimo l'esperienza lasciando l'incarico di abbinare vino e portata a chi di competenza. Mai fatto scelta migliore. Abbiamo attraversato letteralmente l'Italia dal Nord al Sud, passando anche per la nostra amata Romagna con un Sangiovese Superiore. Abbiamo avuto anche occasione di bere sakè vinificato ad inizio cena, personalmente mai provato prima. Insomma, una vera festa per il palato!

Il costo dell'accompagnamento dei vini dipende da ciò che sceglierete (o che farete scegliere per voi). I prezzi li trovate nel listino dedicato.


Se avete piacere di ricevere anche qualche spunto sul da farsi in giornata, vi invito a dare una sbirciata al mio profilo Instagram, dove, tra storie in evidenzia e aggiornamenti quotidiani, potrete vedere foto e video delle mie uscite fuori porta.


GALLERY: CENARE A VILLA CRESPI

Il nostro percorso da Sud a Nord d'Italia presso il ristorante due stelle di Antonino Cannavacciuolo, nella maestosa Villa Crespi, dimora storica affacciata su lago d'Orta, in Piemonte. (Clicca sulla freccina a destra nella foto per scorrere la gallery).


COME VESTIRSI PER CENARE A VILLA CRESPI

In abiti assenti da grandi firme, abbiamo sfoggiato il massimo dell'eleganza che ci hanno concesso i nostri armadi, senza spendere soldi in vestiario apposta per l'occasione.


Non amante del nero e non del tutto a mio agio nell'ambito dell'eleganza, il mio abbigliamento non presenta una vasta scelta per questo genere di occasioni. Ho facilmente optato per l'unico abito nero e lungo che posseggo, aggiungendo un tronchetto e una borsetta anch'essi scuri.

Il mio compagno si è ritrovato quasi in pendant con lo stile colorato e mediorientale di Villa Crespi, sfoggiando una camicetta multicolore arrivata direttamente dagli anni '70. Pantalone nero elegante e scarpa scura.


Una volta accomodati è stato impossibile non guardarsi attorno, curiosi degli altri ospiti al pari degli interni e delle portate.

Se fosse esistita una classifica di eleganza, ci saremmo forse aggiudicati una posizione decente, a metà strada tra signori e signore davvero ben vestiti, a giovani coppie in maglioncino e pantalone classico color sabbia. Lo so cosa state pensando e certamente lo confermo, la mia scarsa conoscenza di firme e modelli in ambito di abbigliamento non mi ha permesso di riconoscere determinati marchi, sicuramente costosissimi nella loro semplicità. La nostra ignoranza ci ha resi sereni e felici però, facendoci sentire subito a nostro agio in un ambiente che temevamo esser troppo regale per la mia amatissima bigiotteria da fast fashion.


In ogni caso, l'unica richiesta fatta dal ristorante attraverso la mail di conferma, è di non indossare t-shirt, pantaloni corti e scarpe aperte. Quindi, qualsiasi cosa scegliate di mettervi, starete benissimo!


Cenare a Villa Crespi: come vestirsi e quanto costa il menù di Antonino Cannavacciuolo.
Cenare a Villa Crespi: come vestirsi e quanto costa il menù di Antonino Cannavacciuolo.

Mi urge anche fare un'importante specifica. Se temete di sentirvi a disagio per via del cameriere di turno che gentilmente vi riempie il bicchiere d'acqua, o che vi sposta la sedia, o che vi pulisce il tavolo dalle briciole con un pettinino (sì, lo fanno), sappiate che il talento e la professionalità del personale di sala sta anche nel mettere a proprio agio l'ospite che hanno davanti. E a Villa Crespi sarete tranquilli fin da subito! Lasciatevi andare e non pensate a come potreste apparire, godetevi la cena e andrà tutto per il meglio.


NON ABBIAMO INCONTRATO CANNAVACCIUOLO AL PROPRIO RISTORANTE.

Cenare a Villa crespi: cosa sapere e galleria.
Cenare a Villa Crespi, Lago d'Orta, Piemonte

Sì, anche noi siamo dispiaciuti di non aver incontrato Antonino Cannavacciuolo nel suo ristorante a Villa Crespi, ma solo perché non è capitato a noi non vuol dire non possa succedere a voi! Quando è presente, di fatti, pare che si fermi a salutare gli ospiti in tutte le sale.


Cenare in questo hotel a cinque stelle sul Lago d'Orta è un'esperienza che consiglio vivamente. Penso che sia una avventura per il palato che possano permettersi in molti, è sufficiente prefissarsi l'obbiettivo di metter da parte il giusto denaro e prenotare per tempo.


E voi, ci andreste a mangiare a Villa Crespi?


Giada,

World travel to be more.




167 visualizzazioni

Post correlati

Mostra tutti
HAI UNA DOMANDA DA FARE INERENTE ALL'ARTICOLO
APPENA LETTO O A QUALCHE ALTRO VIAGGIO?

Grazie! Ti risponderò personalmente il prima possibile.

Week End in Toscana
6 GIORNI ALL'EVENTO
19 giu, 12:00
Colle di Val d'Elsa
Palme su una spiaggia
Chi sono gajjey-worldtraveltobemore

La mission di "World travel to be more"

Travel blogger e travel coordinator, insieme al lavoro anche tutta la mia vita gira attorno alla sfera dei viaggi. 

Multipotenziale ed ipersensibile, ho fatto delle mie emozioni altalenanti il mio punto di forza. Viaggiando da sola in luoghi meno battuti, ho consolidato l'idea che i confini debbano esistere solo sulle mappe. Mi sposto in solitaria per godermi tutte le occasioni che il mondo ha da offrirmi, per migliorare come essere umano e come viaggiatrice consapevole. 

In una società dove sono per lo più le cattive notizie a darci il buongiorno ogni mattina, condivido aneddoti su persone incontrate e nuovi luoghi conosciuti. Tra un itinerario e l'altro, viaggio con le tradizioni da casa, e vi porto con me attraverso letture, visioni e ricette di altre culture. 

Credo nel potere delle persone, sostengo che ogni viaggio ci renda esseri umani migliori. Voglio provarlo a quanti più lettori possibili, articolo dopo articolo e, per chi ne avrà piacere , un viaggio di gruppo alla volta. 

Viva la vita!

"You only live once, but if you do it right... once is enough."

Giada.